atelier museo lucchinetti

Piuro fu per migliaia di anni il principale centro di estrazione e lavorazione della pietra ollàre, un particolare tipo di roccia del complesso delle Pietre Verdi di Chiavenna.

La pietra ha la caratteristica di essere tenera e resistere a temperature molto elevate: è quindi adatta in cucina per la preparazione di alimenti. Un tempo era credenza comune che la pietra ollàre avesse il potere di neutralizzare le sostanze tossiche e i veleni eventualmente contenuti negli alimenti. Le stoviglie in pietra ollàre erano talmente preziose che venivano tramandate di padre in figlio, di famiglia in famiglia, considerate alla stregua di terreni, case e beni di lusso.

L’attività di estrazione e lavorazione della pietra ollàre, iniziata già in epoca romana, continua a Piuro a opera di Roberto Lucchinetti, artigiano che lavora questo materiale con amore e dedizione. Nel suo atelier-museo, oltre ad una collezione di antiche pentole, è possibile ammirare il fascino degli oggetti lavorati da lui, come i classici laveggi, realizzati sulla forma degli antichi calici, i furagn, recipienti con coperchio, e le imponenti pigne, stufe in pietra realizzate fin dal ‘500 in tutta la Val Bregaglia e la Valchiavenna.

Lucchinetti dopo anni di lavoro in Svizzera, nel 1988 decise di dedicare tutte le sue energie all’artigianato della pietra ollàre, mestiere abbandonato da centinaia di anni, quindi da riscoprire interamente.

 

Il segreto di Lucchinetti, che nel frattempo ha ottenuto il marchio De.C.O del Comune di Piuro, è quello di essersi mantenuto fedele alle antiche fasi e tecniche di lavorazione della pietra ollàre.

 

Da alcuni anni Paola De Pedrini, moglie di Roberto Lucchinetti, nel suo tempo libero si dedica alla lavorazione del lino, produce tessuti di pregevole fattura con le tradizionali tecniche di lavorazione.

La coltivazione e lavorazione del lino fa parte della tradizione delle culture contadine di tutta la penisola.

Il lino veniva ampiamente impiegato per la produzione di manufatti di uso quotidiano o festivo. Con le tele più fini venivano confezionati i capi più pregiati, le lenzuola e i tovagliati per il corredo, con il lino più grezzo venivano invece realizzati panni e teli di uso domestico quotidiano e manufatti ed indumenti da lavoro.

Paola De Pedrini segue tutte la fasi di produzione del lino: dalla coltivazione alla macerazione, dalla separazione delle fibre tramite la gramola, strumento che maciulla le parti legnose dello stelo e libera le fibre, alla pettinatura, dalla filatura, con l’impiego di rocca e di fuso, alla tessitura con telaio manuale.

 

È possibile visitare l’atelier-museo, fare visite guidate, partecipare a laboratori didattici e acquistare i pregevoli prodotti in lino e pietra ollàre.

 

Specialità

Laveggi in pietra ollàre (pentole) | calici | Bistecchiere in pietra ollàre | Maschere in pietra ollàre | Sciarpe in lana, lino e cotone | Asciugamani in lino | Centrotavola in lino

 

Atelier-museo Lucchinetti

Atelier | Museo della pietra ollàre

Di Lucchinetti Roberto

Via della Chiesa 5, 23020 Prosto di Piuro (SO)

+39 0343 35905

pietraollare@libero.it

tessolino@libero.it

www.pietraollare.com

Giorni apertura/orari:

Aperto tutto l'anno | 8:30 – 12:30 | 14:30 – 19:00

Chiuso la domenica

Possibilità di visite: necessaria prenotazione telefonica almeno un giorno prima

audio guida

Galleria